La Donna con l’ombrellino!

“Sono un’appassionata di Archeologia e dell’Arte in tutte le sue espressioni!”

Sabato 8 giugno ho partecipato ad un evento “Note al Museo”, nel moderno auditorium del Museo Archeologico di Pontecagnano “Etruschi di frontiera”, inaugurato nel 2007,che accoglie “le straordinarie testimonianze archeologiche dell’insediamento sviluppatosi a partire dal IX secolo a.C. nell’area dell’attuale Pontecagnano”, “avamposto meridionale degli Etruschi.

Il Museo è divenuto la location ideale per un originale e inedito esperimento artistico – culturale che ha avuto come ispirazione “La Tomba della donna con ombrellino”, scoperta qualche anno fa e ricostituita e restaurata nei sotterranei del Museo archeologico di Pontecagnano “Etruschi di frontiera”.

Dino De Angelis, poliedrico artista e scrittore, presenta l’evento – che nasce da un progetto artistico – culturale della scrittrice Lucia Quaranta e che diventa spettacolo grazie al lavoro di grande sinergia con il Gruppo Artistico “Le Magiche Civette”-intraprendendo un fiabesco e sognante percorso narrativo raccontando del ritrovamento archeologico sul quale è rappresentata la storia di una donna ricca e ben vestita che arriva nell’Ade accompagnata da un’ancella che la protegge con un ombrellino.

De Angelis conduce il pubblico in quest’esperienza emozionale, fusione di artisti musicali, danzatori e poeti, innanzitutto narrando della toccante storia dell’avviso “Mind the gap”, registrato dall’attore inglese Oswald Laurence nella metropolitana di Londra per avvertire i passeggeri della Northern line. A seguito della morte di Oswald, sua moglie Margaret McCollum, si è recata ogni giorno al capolinea della Northern Line, nella stazione di Embankment, per poter continuare ad ascoltare la voce del defunto marito. Nel marzo 2013 – dopo che il messaggio di Oswald era stato eliminato, Margaret si è rivolta al Direttore della TfL – un vecchio disco “Mind the gap” è stato ripristinato solamente nella stazione Embankment  in modo che la vedova dell’attore  Margaret McCollum potesse sentire la sua voce. 

La Musica

Le “Esperia Ensemble” – gruppo musicale che prende il nome da “Esperia”, il nome con il quale le prime colonie greche chiamavano il Meridione “La terra dove nasce il Sole”, e da “Ensemble” in quanto gruppo di sole musiciste donne – hanno interpretato tra l’altro anche “Momenti di Gloria”, le musiche della colonna sonora del film “Nuovo Cinema Paradiso”, oltreché hanno accompagnato con la loro musica tutte le altre performance.

La Moda

La serata alterna momenti di poesia a momenti di musica e danza, ma la serata – sulle note delle “Esperia Ensemble” – viene allietata anche dallo sfilare tra il pubblico di splendide donne che vestono le candide ed originali creazioni della stilista Nataliya Zhodko, ucraina che realizza abiti in feltro.

La Danza

Il gruppo artistico “Le Magiche Civette”, trio artistico femminile (Lucia Quaranta, Rosalba Morinelli e Palma Valentina Parisi), interpretano con leggiadria e sensualità  le leggende antiche con balli e danze della tradizione passata e popolare.

Si dilettano nella performance della “Pizzica”, danza dalle origini antichissime che risveglia amore, forza e vitalità con l’accompagnamento del ballerino Canio Martiniello.

La Poesia

Oltre all’alternarsi della musica da camera delle “Esperia Ensemble” e della musica popolare, Dino De Angelis legge la poesia inedita “Etrusca” della scrittrice Lucia Quaranta, ispirata al ritrovamento dell’antico sepolcro funerario del III sec. a. C. Infine, un’altra emozionante performance delle “Magiche Civette” che interpretano la scena rappresentata sulla “Tomba della donna con ombrellino”.

Lo spettacolo si conclude con “Volare” iniziata tra il pubblico da Gabriele Gigantino e con tutti gli artisti sul palco legati da un nastro di colore blu, un filo immaginario che rappresenta il legame che unisce il presente con il passato.

Lucia Quaranta ha chiamato sul palco la Direttrice del Museo, Gina Tomay, che ha ringraziato gli artisti per questo inedito e poliedrico spettacolo. “E’ la prima volta che delle artiste si ispirano alla Donna con l’ombrellino!”

Ringrazia la poetessa e scrittrice Lucia per la composizione della poesia “Etrusca” confermando la volontà di aprire il museo alle attività artistiche.

Interviene anche Adele Triggiano, assessore alla “Creatività”, con delega al Turismo e Marketing Territoriale, Cultura e beni culturali, Pari opportunità, del Comune di Pontecagnano che ha dato il patrocinio morale.

All’evento ha partecipato anche Radio Città 105!

Nicoletta Lamberti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editoriale

di Mimmo Oliva

Ricominciamo

Ricominciamo, da dove avevamo lasciato, con nuova veste e struttura, nuovi partner ma con vecchia e immutata passione. E con l’immutato pensiero che l’informazione debba essere libera, autonoma e obiettiva...

NAVIGANDO CONTROVENTO

Le nostre sette parole perché: «Il populismo è la democrazia degli ignoranti, che segnala problemi reali e propone soluzioni false». È una citazione recente del filosofo spagnolo Fernando Savater che...