ISERNIA. AL VIA LA STAGIONE TEATRALE 2019/2020 DE “IL PROSCENIO”.

E’ dedicata alla memoria di Mario Scarpetta, erede della dinastia teatrale degli Scarpetta-De Filippo ed una delle figure più rappresentative del panorama artistico napoletano, la stagione teatrale 2019/2020 della compagnia di sperimentazione teatrale Cast, che ricalca le scene del piccolo spazio libero “Il Proscenio” ad Isernia, iniziando con una commedia dall’accento comico scritta, diretta ed interpretata da Salvatore Mincione Guarino. “Insieme a te non ci sto più”, con la partecipazione di Alessia Giallorenzo, Mattia Rodi e Giovanni Gazzanni. L’inedito testo nasce dalla fantasia del regista ed attore Mincione Guarino, direttore artistico della compagnia teatrale Cast, insegnante di teatro che della sua passione ne fa una professione che merita sempre elogi dal pubblico ormai affezionato ai suoi spettacoli. La rassegna è varia: previste commedie drammatiche o divertenti e comiche e nomi illustri, parenti d’arte che dir si voglia come Corrado Taranto, Ernesto Mahieux ed Emanuele Salce. Per tutti i gusti e per un pubblico che ogni anno si dimostra sempre più attento, appassionato, fedele, competente. Il Cast offre così una stagione d’eccellenza con temi toccanti come “Il teorema Falcone” che lo stesso Mincione Guarino ha voluto riversare sulle scene quale indimenticabile figura di un grande uomo. Altre compagnie (di Acerra, Chieti, Roma e Napoli) calcheranno il palcoscenico de “Il Proscenio”. In uno spazio ristretto, quello della sede storica del centro di sperimentazione teatrale, che si allargherà ben presto nella nuova sede più ampia di corso Risorgimento. Ci sarà molto da vedere ed ascoltare nelle dodici rappresentazioni che si apriranno con “Insieme a te non ci sto più” (il 9,10, 16, 17, 23 e 24 novembre) e “Noi… i Taranto” di e con Corrado Taranto, il primo dicembre, per proseguire con “Il professor Bellavista” di Salvatore Mincione Guarino dedicato allo scomparso Luciano (il 14, 15 e 29 dicembre) e “Per una bomba in meno”, il 12 gennaio, di e con Ernesto Mahieux. Nel prossimo mese di gennaio, sarà la volta del teatro dialettale napoletano con una commedia di Eduardo Scarpetta “E nepute d’o sindaco” inscenata proprio dalla compagnia Cast per il 25 e 26 gennaio e per il primo e 2 e 8 e 9 febbraio. Il 16 febbraio l’artista Federico Perrotta  si esibirà in “Via col vecchio”. “Il teorema Falcone” sarà proposto al pubblico il 29 febbraio ed il primo, il 7 e l’8 marzo. L’attore acerrano Ferdinando Smaldone presenterà “L’odore della libertà”assieme alla compagnia del teatro Rostocco, domenica 15 marzo. Ancora dalla penna di Salvatore Mincione Guarino, verrà presentato lo spettacolo “Il medico del cavaliere” (il 21, 22, 28 e 29 marzo e il 4 ed il 5 aprile). La compagnia Il Canovaccio si esibirà il 19 aprile con “La sottile linea gialla” di Giancamillo Marrone. Il 9, 10, il 16 ed il 17 maggio “L’ospite a sorpresa” scritto ancora da Mincione Guarino sarà protagonista delle scene che chiuderanno i battenti domenica 24 maggio con “Mumble mumble” di Andrea Pergolari ed Emanuele Salce. Gli spettacoli avranno inizio  il sabato alle 21 e la domenica alle 18.

Silvia De Cristofaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editoriale

di Mimmo Oliva

Ricominciamo

Ricominciamo, da dove avevamo lasciato, con nuova veste e struttura, nuovi partner ma con vecchia e immutata passione. E con l’immutato pensiero che l’informazione debba essere libera, autonoma e obiettiva...

NAVIGANDO CONTROVENTO

Le nostre sette parole perché: «Il populismo è la democrazia degli ignoranti, che segnala problemi reali e propone soluzioni false». È una citazione recente del filosofo spagnolo Fernando Savater che...